Fertilità, news per trentenni laureati

C’era una volta lo Stato Italiano che voleva fare il FertilityDay.

Sembra passato un sacco di tempo dalla polemica, dalla bufera, dalla tragedia, eppure è solo un anno.
Le intenzioni, sappiamo, non erano malvagie, ma la gestione della comunicazione è stata pessima. Soprattutto perchè forse ha generato una gran confusione tra il termine fertilità (biologico, che sta diventando un problema italiano) e la parola natalità (sociologica, che è Il Problema Italiano).

Per fortuna nel giro di 12 mesi le cose sono cambiate, la comunicazione ha fatto passi avanti giganteschi riguardo la promozione di sani stili di vita!
…cosa c’è di maledettamente più marcio nella comunicazione se non fare un LOGO con l’hashtag?!

index

Cose da strapparmi gli occhi.

E’ come intitolare un nuovo cinema “Modernissimo” o “Progresso”: l’apoteosi dell’improbabile paradosso. Vecchi. Siete vecchi dentro.

web

In ogni caso il sito #IdeeFertili che sta sviluppando la Società Italiana di Fertilità e Sterilità (SIFeS) è esteticamente bello. Ovviamente il cash l’ha messo una farmaceutica privata. Non solo, nella home (qui) trovate un quiz su “scopri quante ne sai” che è davvero interessante e per nulla banale se non che… anche io ne ho sbagliata qualcuna!

Ora, se una sessuologa sbaglia qualche risposta ad un quiz sulla sterilità pensato per i gggiovani (14 – 26 anni), penso ci sia qualcosa che non funziona dal punto di vista comunicativo. Soprattutto pensando che il sito è stato creato in risposta ad una ricerca condotta questa primavera su quasi 1500 ragazzi: che domande avranno posto? Il linguaggio è esageratamente tecnicoscientifico.

O meglio, in realtà penso che hanno centrato il target che più è in difficoltà con il tema della fertilità: i trentenni laureati. Quegli uomini troppo giovani per aver fatto la visita urologica a Naia, quelle coppie troppo studiate per essere uscite di casa ancora ventenni, quei ragazzi degli anni ’80 che sono stati contagiati dallo spot sull’AIDS da mettere i brividi, quelli troppo vecchi per poter googlare “ho una perdita biancastra” a 17 anni.
Insomma noi, i “modernissimi”.
Ecco dunque un ottimo sito da seguire per trentenni che sanno che l’orologio biologico ticchetta. Ciò che avrebbe dovuto fare la Lorenzin è stato realizzato da una farmaceutica che ha a sua volta sbagliato il target. Olè.

Un abbraccio, miei coetanei, ed un consiglio:

prendetevi cura della vostra salute di coppia, nessun altro lo farà.

web

Ed invece, video promozionali fatti bene:

PS. Un dato rilevante vero e valido che è emerso dalla ricerca: 9 ragazzi su 10 non hanno mai fatto una visita urologica/andrologica. Regà: eddai.

Annunci

Gender: il serpente e la mela. La fame della verità.

Serpeggia.

Comincia con giochi da maschio e giochi da femmina. Colori da maschio e da femmina.
Come fosse un serpente incantatore, che ti fa volere quello che lui vuole.
Ti fa scegliere quello che lui, strisciando, ultimo degli animali, ha proposto a te: la maglia della tua squadra preferita o gli ombretti serie limitata.

E tu alla fine cogli la mela. E la offri, assumendoti la responsabilità di essere stato tu.

Finisci col credere che da sempre eri tu a volerlo, un tuo latente desiderio inespresso.
Sei tu in fondo che lo hai sempre voluto.

Solo che un giorno, ti guardi e scopri la tua nudità. Scopri che qualcosa serpeggiava, ha definito cosa eri tu. Ed adesso, che hai occhi nuovi, chi sei?

chi-sono-serpente-mela-adamo-eva-peccato-originale
Giovedì ho condotto la serata sulla costruzione delle identità sessuali per il percorso L’Amore ViGiova assieme alla collega Stefania.

Il progetto nasce da una tavola dei lavori ricca di personalità differenti (e discussioni frequenti), ma abbiamo voluto parlare della costruzione delle identità personali, che ognuno di noi affronta continuamente nella propria vita.
Proprio questa lotta, che mai sembra avere fine, ci accompagna, facendoci percepire sempre lacunosi nella definizione di noi stessi. “Siamo in cammino” sembra essere l’unica risposta possibile. A volte può risultare difficile perchè è faticoso rivalutare chi siamo alla luce delle situazioni che ci mettono nella condizione di dover scegliere. E’ come se nella nostra testa spesso comparisse la domanda:

“…ma se io fossi me, cosa farei in questa situazione?”.

Ridicolo, ma reale.

Take a bite, My dear Snow White- Original Caption Love in a Bite- S.R:

Cercavo il materiale adeguato alla serata finchè non sono inciampata in una presentazione degli studenti per il corso di Psicologia delle Influenze Sociali della prof.ssa Volpato.
Avete presente quando fate una cosa per l’università e pensate “tanto poi non la vedrà più nessuno!”. Beh… no.

Non solo l’ho vista, ma mi è anche piaciuta! Al di là della prima analisi statistica, forse un po’ tecnica, guardate dalla slide 19 in poi. Gli studenti hanno analizzato le pubblicità Rai2 di ogni sera per una settimana e hanno analizzato cosa vediamo. Guardate come vengono utilizzate le attrici donne per vendere le auto.

Eppure…

POPOLAZIONE 30/34 ANNI:

24,2% LAUREATE

VS

15,5% LAUREATI

AVVOCATI DONNA

48% SUL TOTALE ISCRITTI ALL’ALBO
MEDICI DONNA...

Mi chiedo cosa pensino gli uomini del loro obbligo sociale di conoscere tutte le caratteristiche delle auto. Possono decisamente infischiarsene ed andare in bicicletta?
Ed ancora, possibile che gli uomini in cucina siano solo “grandi chef” o, in alternativa, “impediti totali”, capaci solo di promuovere i 4 Salti In Padella e di svenire con 37,2 linee di febbre?! Anche l’uomo non ha diritto di altre immagini più normalizzanti a cui fare riferimento?

Gli studi sui generi si occupano di questo genere di cose.

Questo è ciò che serpeggia, riusciamo a guardarlo con occhi critici? Con occhi che ci permettano di capire quali sono le spinte che ci giungono dall’esterno e quali invece vogliamo assecondare dall’interno?

Vorrei un mondo di individui consci, “nudi”, nel quale ognuno è fedele a se stesso.

Vorrei un mondo di persone consapevoli che le mele sono state loro offerte, ma mai avrebbero pensato di mangiarle prima di quel momento.
Vorrei un mondo di persone che sappiano cogliere la propria responsabilità di aver comunque colto quella mela, ed averla riproposta, a volte in maniera ossessiva, a chi sta loro attorno. Ai figli, agli amici, ai propri animati.

Cosa stai offrendo agli affamati?

pumpkin-pancakes-by-eva-kosmas-flores-9:

Ma se tu fossi in te, ed ora che hai aperto gli occhi sullo strisciante modellamento dei generi maschile e femminile lo sei, cosa offriresti come modello alle persone che ti stanno vicino?

Il femminile e il maschile sono socioculturali

L’esibizione della propria identità di genere è mediata socioculturalmente.

Non credo servano tante parole per descrivere questo fenomeno, infatti se riusciamo a percepire la storia dell’uomo come una complessa evoluzione di eventi concatenati vedremo l’attualità come figlia del tempo.

Breve video incisivo sul make up della Korea negli ultimi 100 anni: guardate come la guerra può modificare l’estetica femminile…!

E il maschile?

Eccolo! Spesso siamo focalizzati sull’esperienza femminile, invece gli eventi sociopolitici e culturali influenzano fortemente anche l’esibizione maschile.

fiaba uomo barba donna cultura gender Anna Zanellato sessuologo vicenza identità

Fumetti ed educazione sessuale

come funziona coppetta mestruale inglese ciclo assorbenti come si usa tampone interno donna bambina riparmiare soldi denaro ecologico salutare ginecologi mooncup

E’ veramente complicato parlare di sesso in maniera divertente ma non frivola.
E non cadere nel volgare.
L’immagine aiuta la comprensione, ma una foto può essere decisamente troppo.
Eppure c’è chi ha risolto questo problema: il fantastico sito statunitense
OhJoySexToy.com di Matthew Nolan (game artist) e sua moglie Erika Moen (cartoonist). Cosa potevano produrre due così se non un blog davvero alternativo? Eccoli:

Matthew and Erika

Infatti sono i creatori di un fumetto informativo, sovversivo e divertente che ogni settimana esplora il mondo del sesso: recensioni di sex toys, interviste con professionisti del sesso, lezioni di educazione sessuale. Fanno ricerche e scrivono insieme, ed Erika fa i disegni. Come mai proprio dei fumetti? Così risponde Erika:

“L’educazione sessuale di solito è molto asettica. Testi che parlano di concetti astratti, più qualche diagramma astruso. È davvero difficile associare quel tipo di informazioni al proprio corpo. Il fumetto è particolarmente appropriato per insegnare alle persone a conoscere il loro corpo, perché unisce immagini e testi, rendendo gli argomenti accessibili e visivamente accattivanti. E poi, parliamoci chiaro, un paio di battute aiutano a coinvolgere le persone, invece di farle sentire semplici spettatrici”.

What is OJST?

Guardatevi il sito, sapendo che in realtà esistono migliaia di siti di fumetti porno, è un mondo infinito. Vi basti SlipShine (sottotitolo: comics for people who think sex is FANTASTIC). In ogni caso in OhJoySexToy trovate molto di più, come questo fumetto sulla gravidanza che può chiarire ai genitori come affrontare il temuto “papà, da dove vengono i bambini?“. Spiega anche l’utilizzo in coppia e da soli di molti sex toys, con semplicità ed ironia. E senza veli, che sporcaccioni!

Vi porto qui ad esempio il fumetto dove viene spiegato l’uso della mooncup.

Mooncup (in italiano coppetta mestruale) è un’alternativa all’uso di assorbenti esterni o interni. Considerando che una donna consuma circa 11.000 assorbenti nell’arco della sua vita, capirete come questa soluzione sia anche ecologica.
Si tratta di una coppetta in silicone medico da inserire nella vagina che raccoglie il flusso. Al momento del cambio è necessario semplicemente estrarre la coppetta e sciacquarla. Poi si può indossare nuovamente, senza doverla buttare. E’ riutilizzabile per anni. Assolutamente confortevole, è utilizzabile facendo sport, anche se vuoi fare la ruota. Semplice, no?

Bisogna dire che il prodotto è adorato dalle ginecologhe e dalle ostetriche che conosco, ne esaltano i benefici, la ritengono la scoperta del secolo.

About the Mooncup

Il problema è che le novità ci fanno sempre sgranare gli occhi. Ci facciamo mille dubbi e domande. Perchè?

Perchè dobbiamo inserire qualcosa dentro di noi, in una parte del nostro corpo che è ancora tabù. E’ più comodo continuare a seguire i nostri riti tradizionali, la routine, che cambiare modo di vivere il nostro corpo. Inoltre è ostacolata dalle massicce pubblicità di prodotti usa e getta, che generano ingenti introiti alle aziende che li producono.
Il prodotto fatica a prendere piede nel mercato italiano. Si può trovare su internet come sul sito Mooncup.it o alle fiere e ai festival fricchettoni (io l’ho trovato a Fà la Cosa Giusta di Milano e a FestAmbiente). Ultimamente si sta diffondendo anche in farmacia, in erboristeria e nei negozi Natura Sì.

Le pene del Prepuzio

PREPUZIO. Chi?!

Alla punta del pene, il corpo spongioso si ingrossa per formare il glande, una sorta di testa a cuscino.

pene glande prepuzio corpo spongioso circoncisione foto

Nel maschio il glande è coperto da un cappuccio di pelle abbondante e morbida, il prepuzio, che viene del tutto o in parte rimosso negli uomini circoncisi.

Per praticare la circoncisione maschile si infila uno strumento sotto il prepuzio per scollarlo dal glande e poi si taglia ed elimina la pelle del pene da un terzo fino a metà. Le circoncisioni tradizionali non prevedono l’uso dell’anestesia. Questa pratica è parecchio diffusa in molti Stati esteri, anche negli occidentalissimi Stati Uniti.

circoncisione banana pene prepuzio frenulo

come circoncidere una banana (nel caso non abbiate nulla da fare questo pomeriggio)

Carrie: L’85% non è mica circonciso.
Charlotte: Ecco: stanno per conquistare il mondo!
Carrie: Tesoro, si parla di peni, non di Godzilla!
Miranda: Hey, se l’85% non è circonciso, sono andata a letto al massimo con il 15% della popolazione attiva!
Carrie: Sei praticamente una vergine!

Sex and the City, stagione 02 episodio 09: “Si può cambiare per amore?“.
Charlotte incontra un amante non circonciso e la cosa è talmente straordinaria per New York che per un’intera puntata le quattro ragazze non parlano d’altro. Il ragazzo è molto imbarazzato dal suo status di uomo col prepuzio, e Charlotte gli chiede di cambiare… ma quando, a fine puntata decide di farsi operare per essere come gli altri, comincia ad avere rapporti sessuali occasionali e disordinati… proprio come un circonciso (o, almeno, crede).
Incredibile, no? Com’è possibile che nessuna di loro prima abbia conosciuto glandi coperti dalla loro pelle morbida?
La puntata di questo celeberrimo telefilm attraversa l’oceano e giunge in Europa lasciando molta curiosità. Le domande in YahooAnswers su questo episodio sono molte. Diremmo che è un tipico esempio di differenze culturali sessuali.
Un pene non circonciso? Che stramberia è mai questa?!

Infatti in tutto il mondo questa pratica è molto seguita per ragioni religiose (innanzitutto da ebrei e mussulmani) e mediche. Guardate questo planisfero con indicate le percentuali per nazione.

Sex-and-the-City charlotte samantha carie stupore sorpresa chiacchere pranzo rosso ciliegia pene circonciso

Sex and the City: Miranda, Carrie, Charlotte e Samantha.

Dal punto di vista medico la circoncisione non ha nessuna utilità, a meno che essa non sia necessaria per curare alcune patologie come la fimosi, che consiste nell’impossibilità di separare il prepuzio dal glande dato che il prepuzio ha un’apertura troppo stretta.

Per quanto questo sia del tutto elementare in Italia, negli Stati Uniti si tratta invece dell’occhio del ciclone di un’agguerrita battaglia tra medici e specialisti. Alcuni di loro sostengono che la circoncisione previene il cancro al pene e della cervice. In realtà questo non è assolutamente correlato, anzi, negli uomini circoncisi colpiti dal cancro al pene la malattia tende a partire proprio dalla cicatrice dell’operazione. Il cancro del pene è molto raro. Quanto gli uomini con il cancro alla mammella. Le donne col cancro alla cervice hanno la stessa percentuale negli Stati Uniti e in Europa, quindi non è dovuto dal prepuzio. In Europa spesso viene vista come atto barbaro al pari delle mutilazioni genitali femminili.

E allora PERCHE’?

cereali kelloggs sexy corn flakes bacio rosso ciliegia

E’ tutta colpa dei cereali. Anzi, dei cereali Kellogg’s. Torniamo alla fine dell’Ottocento e scopriamo la figura di John Harvey Kellogg, medico statunitense, direttore di un riformatorio per obesi ed erotomani, ricordato come l’inventore dei corn flakes. Il dott. Kellogg era davvero un personaggio. Si inventò i cereali come sostituto insipido di Uova&Bacon. Lui voleva che fossero duri ed insapori, perchè solo una colazione davvero infima poteva contrastare la masturbazione e altri peccati mortali. Era infatti un fervido religioso della Chiesa Avventista del Settimo Giorno ed oltre ai corn flakes andava promulgando la circoncisione senza anestesia per tutti i giovani americani. La sua convinzione era che i ragazzi cominciassero a masturbarsi perchè il prepuzio sfregava sul glande. Lo sperma non doveva di certo essere perduto per colpa di donnine facili o di pratiche solitarie come l’onanismo.
Le attuali pubblicità della Kelloggs lo farebbero rivoltare nella tomba. Beh, ben gli sta! Ad ognuno la sua giusta fine. Ora hanno anche inventato gli SexCereal, nelle versioni per lui e per lei, per diventare sexy. La versione maschile promette di aumentare il testosterone.

L’idea è talmente radicata culturalmente negli Stati Uniti che si è tramandata fino ad oggi. Inoltre i medici vogliono mantenere questa tradizione poichè ogni operazione costa tra i 150 e i 300 dollari. L’operazione dura solo dieci minuti ed è di routine, sono soldi facili da guadagnare.

Vacci piano con le modifiche! Se tiri il filo sbagliato, ti si disfa tutto il maglione.

(Samantha)

SEX PILLS – La mera esposizione

Immagine

Effetto esposizione:
Si tratta di un fenomeno evidenziato dallo psicologo Robert Zajonc in un esperimento che risale al 1968. Zajonc mostrò a cinque gruppi di volontari dei cartoncini su cui erano impresse delle parole turche a loro ignote. E mentre ai volontari del primo gruppo la parola dal significato sconosciuto veniva mostrata soltanto una volta, a quelli del secondo gruppo veniva mostrata 2 volte, a quelli del terzo 3 e così via.
Il risultato fu che coloro che avevano visto la parola quattro o cinque volte erano indotti a pensare che essa designasse un concetto, un oggetto o una situazione positiva o comunque di qualche interesse. […]
Come spiegare questo effetto? Tutti noi, seppure in misura diversa, tendiamo ad abituarci agli oggetti che vediamo spesso. A casa, nell’intimità, là dove incontriamo in modo regolare e rassicurante degli elementi familiari ci sentiamo a nostro agio. Allo stesso modo finiamo per trovare accettabili (o anche gradevoli) quegli elementi nuovi che, esposizione dopo esposizione, ci diventano familiari. L’effetto è potente. Entrano nella sfera intima delle persone.

A. Oliviero Ferraris, “Media e Politica”Immagine

Questo servizio fotografico è per Tom Ford comparso su Vogue.
Sono bambine di sei / sette anni. Si è notato?

Più si guarda, più sembra normale.

ImmagineImmagineImmagineImmagine